Navigare nel dark web

Se trovi interessante l’idea di entrare nel dark web, per vedere come è fatto e come funziona, ti fornirò alcune informazioni a riguardo per la navigazione. La curiosità è lecita, ma non farti ingannare dall’estrema facilità nell’accesso: non saprai mai chi c’è dall’altra parte. Ti consiglio di proteggere il tuo pc e la tua rete, prima di compiere questo passo. Vediamo insieme come procedere.

Se non hai ancora ben chiaro cosa sia o cosa ci nasconde il web oscuro, ti consiglio di leggere un mio articolo precedente: “Il deep web”.

Prima di procedere alla navigazione nel dark web, procedi prima con queste operazioni:

  • installa e configura correttamente un buon antivirusantimalware
  • installa e configura una VPN con politica no-log, protezione IP e accesso privato.

Detto questo, avanziamo con il primo passo. scarica e installa Tor (The Onion Router).

tor-browser-navigare-nel-dark-web-sito-web-style
Tor Browser

Come ho spiegato nell’articolo relativo al deep web, è un “browser” progettato per accedere al dark web. È disponibile per tutte le piattaforme (Windows, Mac Os X, Linux e Android).

Terminato il download, lancia l’applicazione cliccando su “installa.

installare-tor-browser-navigare-nel-dark-web-sito-web-style
Installazione Tor Browser

Puoi lasciare la configurazione di default perché è già tutto impostato per evitare che i tuoi movimenti vengano tracciati. Quindi clicca su “connetti” per accedere al dark web.

Partirà la classica procedura di caricamento. Tieni presente che le pagine web ci metteranno molto più tempo per essere caricate e quindi visualizzate. Il protocollo di connessione di TOR, unitamente alla tua VPN, farà rimbalzare i dati di connessione da un server all’altro, prima di arrivare a destinazione. In questo modo potrai essere meno tracciabile.

Ora puoi provare DuckDuckGo un motore di ricerca simile a Google che non memorizza alcun indirizzo IP, non registra informazioni sull’utente, usa i cookie solo quando strettamente necessario e libera l’utente dal tracciamento. Inoltre non raccoglie o condivide informazioni personali. Questa è la politica legata al dark web.

duck-duck-go-navigare-nel-dark-web-sito-web-style
DuckDuckGo

Con duckduckgo puoi iniziare a cercare tutto quello che c’è nella parte nascosta del web. Solitamente per accedere ai siti del dark web si utilizzano delle hidden Wiki ossia dei siti web che contengono tutti i link per raggiungere le pagine del profondo web.

hidden-wiki-navigare-nel-dark-web-sito-web-style
Hidden Wiki

Appaiono spesso dei pop-up: ti consiglio di non procedere con l’esecuzione di queste finestre, cliccandoci sopra, perché non puoi sapere quale programma potrebbe essere eseguito (potrebbe trattarsi di virus o malware).

Una volta raggiunta la hidden Wiki potrai vedere all’interno molti siti del deep web e del dark web. Potrai accedervi per categorie. Troverai servizi pressappoco “normali”, come quelli finanziari, di servizi commerciali, siti di politica, blog, forum, ma anche siti per comprare droga, armi, streaming video per adulti e altre cose non del tutto lecite. Nelle categorie c’è anche qualcosa in italiano.

Molti link, spesso, sono senza destinazione. Questo perché i siti vengano chiusi o viene cambiato l’indirizzo web. Il tutto non è spesso aggiornato, quindi potrai constatare da solo che raggiungere alcuni siti sarà impossibile.

All’interno del dark web puoi trovare un sito italiano nominato “italian darknet community”. Qui vengono proposti alcuni link per poter acquistare o vedere cose non proprio legali. Per accedere è obbligatorio registrarsi.

italian-darknet-comunity-navigare-nel-dark-web-sito-web-style
Italian Darknet Community

Se vuoi compiere questo gesto folle, puoi riempire i campi richiesti. Procedi con solo quelli obbligatori, non dare molte informazioni su di te, evita di inserire il tuo indirizzo di casa o il tuo cognome. Insomma se proprio devi compiere questo gesto insano, menti spudoratamente!

Soprattutto non inserire la tua password “standard”, ossia quella che usi di solito per accedere ai tuoi servizi nel web tradizionale (magari non ci avevi pensato, vero?).

Da questo punto in poi, tutto quello che posso dirti è che in questi “store”, tipo Amazon, si paga in Bitcoin (per chi non lo sapesse, questa è una cripto-valuta, ossia una moneta digitale, che consente di effettuare questi tipi di operazioni, senza essere rintracciati).

Direi che per oggi abbiamo già detto abbastanza. Spero che questo articolo ispiri solo curiosità e non cattive intenzioni.


Se vuoi mettere il turbo al tuo sito web, contattami!


É vietata la copia e la riproduzione dei contenuti di questo articolo.
É vietata la redistribuzione e la pubblicazione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Copyright © Antonino Mariano · all rights reserved.

Vuoi realizzare un sito web?

Chiama

Contact PersonChiedi info

Spunta la casella qui sotto:

La informiamo che i dati che fornirà al gestore del presente sito saranno trattati nel rispetto delle disposizioni di cui al d.lgs. 196/2003, Codice in materia di protezione dei dati personali.

Facebook Linkedin
WhatsApp Chiedi info